Madonna

FAME PICTURES

Gli appuntamenti nel Mondo Materiale, a quanto pare, non vanno rispettati come nel mondo vero.

Per la seconda volta questo mese, l’Alta Corte del Malawi ha accettato la richiesta di Madonna di rimandare il giudizio finale sulla sua adozione di David Banda insieme al marito Guy Ritchie.

L’udienza, che era prevista per il 22 aprile, è stata spostata al 15 maggio, apparentemente il cambiamento finale della data, dopo che Madonna ha detto alla corte che doveva recarsi negli Stati Uniti per affari: la promozione del suo nuovo album, Hard Candy.

"Il 15 maggio dovrebbe essere la data definitiva dell’udienza, e cambierà solo se gli avvocati richiedono un’altra data e forniscono dei motivi validi per il cambiamento” ha detto un ufficiale della corte alla Reuters.

All’inizio di questo mese, un impiegato della corte aveva confermato che l’udienza, nella quale un giudice approverà formalmente l’affidamento permanente del bambino alla coppia, era prevista per questa settimana.

Anche se Madonna non è obbligata dalla legge ad essere presente, a giudicare dai cambiamenti imposti dal suo orario, si direbbe che intende davvero recarsi nel paese africano, dove dovrebbe ricevere la buona, ma non inaspettata, notizia.

Il mese scorso, un rapporto compilato da un ufficiale del Ministero per lo Sviluppo dei Bambini e delle Donne ha dato il nullaosta all’adozione del bambino di due anni da parte della coppia, che aveva ricevuto l’affidamento temporaneo del bimbo nell’ottobre 2006.

Il rapporto loda il lavoro di genitori svolto dalla coppia e rilevato da un rappresentante della corte durante alcune visite alla casa della coppia a Londra.

Il nuovo disco di Madonna, Hard Candy, uscirà il 29 aprile.
  • Share
  • Tweet
  • Share

We and our partners use cookies on this site to improve our service, perform analytics, personalize advertising, measure advertising performance, and remember website preferences. By using the site, you consent to these cookies. For more information on cookies including how to manage your consent visit our Cookie Policy.