Ozzy Osbourne

Serge Thomann/WireImage.com

A quanto pare, essere chiamato un mostro ha i suoi vantaggi.

Ozzy Osbourne ha accettato un risarcimento danni non specificato e delle scuse da parte del tabloid inglese Daily Star per aver pubblicato una storia secondo la quale il cantante era collassato due volte prima di presentare i Brit Awards a febbraio, provocando il caos dietro le quinte dell’importante cerimonia musicale britannica.

Nell’articolo, intitolato "Ozzy's Freak Show”, il tabloid aveva anche scritto che la rock-star, 59 anni, era in condizioni talmente pessime che durante lo spettacolo doveva farsi trasportare con un carrettino elettrico e che gli organizzatori dell’evento avevano discusso fino all’ultimo minuto se Ozzy dovesse o meno andare avanti con il suo compito di presentatore.

Osbourne e la sua famiglia (la moglie Sharon, il figlio Jack e la figlia Kelly) hanno presentato assieme la cerimonia dal vivo. Non erano presenti in tribunale per il verdetto.

“Il querelante è un artista di grande successo che ha appena completato una tournée mondiale esaurita”, ha detto John Kelly, l’avvocato di Osbourne, all’Alta Corte di Londra. “La pubblicazione di accuse infondate secondo le quali il querelante era in condizioni di salute talmente cattive da renderlo incapace di presentare una cerimonia di premiazione...sono estremamente gravi”.

Kelly ha aggiunto anche che il giornale non aveva mai contattato il cantante con queste false affermazioni prima di pubblicarle, privandolo quindi della possibilità di negarle.

Kate Wilson, avvocato per il Daily Star, ha detto alla corte che adesso il tabloid riconosce che le affermazioni in questione erano false e che non sarebbero dovute essere pubblicate, e ha chiesto scusa per “il considerevole imbarazzo e l’angoscia” causati alla famiglia.

Il risarcimento danni non specificato, ma probabilmente notevole, sarà donato al Sharon Osbourne Colon Cancer Program, una fondazione per la ricerca sul cancro al colon.

  • Share
  • Tweet
  • Share

We and our partners use cookies on this site to improve our service, perform analytics, personalize advertising, measure advertising performance, and remember website preferences. By using the site, you consent to these cookies. For more information on cookies including how to manage your consent visit our Cookie Policy.