Matthew McConaughey

PacificCoastNews.com

Non è particolarmente difficile immaginare Matthew McConaughey mentre si rilassa, accompagnato dal ritmo delle sue canzoni preferite che suonano in sottofondo. O pensare a lui mentre vagabonda per i villaggi africani in cerca di un amico che suona la chitarra.  

L’attore è stato invitato alla stazione radio KCRW-FM di Los Angeles per rivestire i panni di DJ, nell’ambito di un’iniziativa lanciata dal canale, e scegliere cinque delle canzoni che più gli stanno a cuore, da suonare per gli ascoltatori.

Eccovi la playlist di McConaughey:

  • "Between a Laugh and a Tear", di John Mellencamp: "Questa è una canzone che mi ricorda molto il Texas. Il sabato ero solito andare a lavare il mio furgone e questo brano, in un certo senso, ha contribuito a farmi capire cosa significasse essere americano, patriota, il tipo di uomo che volevo diventare. Quando ho ascoltato la canzone di Mellencamp ho pensato: “Ha letto le mie lettere, sta cantando per me”.
  • "Stranglehold", di Ted Nugent: "Se fossi diventato un pugile o un lottatore, sceglierei questo pezzo per fare la mia uscita".
  • "Ai Du" di Ali Farka Touré e Ry Cooder: "Sono andato in aereo a Bamako [nello stato africano di Mali]. Ho fatto autostop fino a Mopti, dove ho incontrato un tipo con cui mi sono imbarcato su di una nave e, dopo circa nove giorni, sono arrivato nel villaggio di Niafunké, dove ho incontrato Ali Farka. Siamo andati a casa sua e ci siamo seduti. Lui ha bevuto una bibita e io dell’acqua. E ha suonato questa canzone per me. Siamo stati tutto un pomeriggio a casa delle sue mogli e ha suonato questo pezzo”.
  • "Every Little Bit Counts", di James McMurtry: "Un grande cantastorie. Il modo in cui formula le strofe. In questa canzone, 'Every Little Bit Counts', racconta di come, quando cerchi di far funzionare una relazione, i momenti felici possono essere molto intensi, ma lo stesso vale per quelli negativi. Tuttavia, ogni piccola cosa ha la sua importanza. Scaglia la foto della donna, lancia la bottiglia di whiskey nel lavandino. Fare così non lo rende più felice, non lo fa stare meglio ma, ehi, ogni piccola cosa conta. E l’idea mi piace”.
  • "Above the Bones", di Mishka: "È una bellissima canzone ed un album fantastico. E dice di vivere oltre le proprie ossa, ovvero: liberiamoci dal passato, dalle bugie, dai dispiaceri, dai torti. Viviamo al meglio, pensando positivo”.
  • Share
  • Tweet
  • Share

We and our partners use cookies on this site to improve our service, perform analytics, personalize advertising, measure advertising performance, and remember website preferences. By using the site, you consent to these cookies. For more information on cookies including how to manage your consent visit our Cookie Policy.