Rocket, Stephen Colbert

Photo/Dmitry Lovetsky, Dimitrios Kambouris/ Getty Images

L’Orsa Maggiore potrà anche ruotare, ma non può sfuggire al ThreatDown di Stephen Colbert.

Il presentatore ha accettato di condividere il suo genio genetico con il resto della galassia, donando il suo DNA affinché venga digitalizzato e incluso in una capsula del tempo che sarà lanciata il mese prossimo alla Stazione Spaziale Internazionale in un progetto denominato “Immortality Drive” (“Campagna per l’Immortalità").

“Sono felicissimo di mandare il mio DNA nello spazio, dato che questo mi rende un po’ più vicino alla realizzazione del mio sogno di essere il bambino alla fine di 2001”, ha detto Colbert.

I geni possibilmente “salva-pianeta” saranno spediti il 12 ottobre da Richard "Lord British" Garriott, creatore di videogame e viaggiatore spaziale part-time.

“Nell’improbabile evenienza che la Terra e l’umanità siano distrutte, il genere umano potrà essere resuscitato con il DNA di Stephen Colbert”, ha detto Garriott. “Esiste una persona migliore a cui affidare questa enorme responsabilità?”

Supponiamo che sia una domanda retorica.

  • Share
  • Tweet
  • Share

We and our partners use cookies on this site to improve our service, perform analytics, personalize advertising, measure advertising performance, and remember website preferences. By using the site, you consent to these cookies. For more information on cookies including how to manage your consent visit our Cookie Policy.