Sharon Stone

Jean Baptiste Lacroix/WireImage.com

Femme fatale o casa fatale?

Mercoledì, un costruttore edile ha fatto causa per negligenza a Sharon Stone, affermando di essere caduto due anni fa da un precipizio nascosto sulla proprietà a Los Angeles della star di Basic Instinct e di aver sofferto “ferite gravi e permanenti”.

Un certo Peter Krause (non la star di Six Feet Under) afferma che, mentre faceva dei lavori a casa della Stone il 25 agosto 2006, è caduto oltre una serie di piante da giardino che pare nascondessero uno strapiombo.

Secondo i documenti del tribunale presentati alla Corte Superiore di Los Angeles, Krause si è trovato “malato, dolorante, zoppo, disabile e disturbato, sia internamente che esternamente, e ha sofferto, tra l’altro, di numerose lesioni interne, paura intensa, shock, dolore, disagio e ansia”.

È sicuro di non aver semplicemente guardato Basic Instinct 2?

“Krause stava lavorando come impiegato dell’appaltatore quando è stato ferito”, ha detto a E! News John C. Torjesen, l’avvocato del querelante. “Stava semplicemente facendo il suo lavoro quando si è fatto male”.

Anche se quel particolare incarico è stato memorabile per Krause, un rappresentante dell’attrice un tempo candidata a un Oscar ci ha detto che “non c’è nessuna documentazione riguardo alla presenza di questo individuo sulla proprietà e non c’è neanche alcuna documentazione che affermi che questo individuo si sia ferito sulla proprietà.

“Né la signorina Stone né i suoi avvocati hanno visto una copia di questa querela”.

Krause sta chiedendo un risarcimento danni non specificato per lo stipendio perso, le spese mediche, il dolore e le sofferenze subite ed altre cause d’azione.

  • Share
  • Tweet
  • Share

We and our partners use cookies on this site to improve our service, perform analytics, personalize advertising, measure advertising performance, and remember website preferences. By using the site, you consent to these cookies. For more information on cookies including how to manage your consent visit our Cookie Policy.