Close
BRAND NEW ON E!
  • UPDATE!

    News/ 

    Muore a 91 anni Ray Bradbury, autore di Fahrenheit 451

    Ray Bradbury Ron Galella, Ltd./Getty Images

    Ray Bradbury rappresentava la fantascienza prima ancora che il genere diventasse famoso.

    Il leggendario autore di Fahrenheit 451, Cronache marziane e di tanti altri classici ci ha lasciati martedì. Aveva 91 anni. 

    La sua carriera varia ed intensa ha contribuito alla nascita della cultura geek: le sue prime storie erano state pubblicate nel 1930, le più recenti, invece, alcuni anni fa. 

    I suoi racconti sono serviti per l'attuazione di progetti cinematografici degli anni 50 quali Il risveglio del dinosauro e Presenze aliene, diventati un esempio per tutti gli altri film hollywoodiani futuri sugli alieni. Le storie di Ray sono state portate in vita sul grande schermo da registi francesi come François Truffaut (Fahrenneit 451) e da attori di Hollywood come Rock Hudson (Cronache marziane). La sua influenza era onnipresente. 

    Bradbury una volta aveva raccontato di un meeting con Steven Spielberg dopo l'uscita della pellicola Incontri ravvicinati del terzo tipo.

    "Mi aveva detto: 'Come ti è sembrata la tua storia?' 'La mia?', avevo chiesto", ha spiegato Ray. "'L'hai resa possibile tu', aveva risposto".

    Inizialmente, Bradbury assomigliava molto agli artisti e ai registi che avrebbe poi ispirato: era un bimbo che amava tantissimo i dinosauri e i fumetti.

    Come aveva detto all'Associated Press nel 1982: "Bisogna sempre sapere ciò che è importante".

    Nato il 20 agosto del 1920, in Illinois, Bradbury si era trasferito con la famiglia a Los Angeles quando era adolescente. La metropoli era diventata l'amata dimora dell'autore, sebbene si fosse sempre rifiutato di guidare l'auto nella trafficata città e avesse definito le macchine una minaccia per la società.

    Nonostante numerose serie TV siano basate sulle opere di Bradbury, inizialmente aveva avuto delle difficoltà ad inserirsi nel mondo dello spettacolo.

    "Credo che i produttori hollywoodiani siano restii nei confronti del genere fantasy", aveva confessato alla stampa nel 1966.

    Dopo l'uscita del progetto di Truffaut, Fahrenheit 451, la fortuna aveva cominciato a girare dalla parte di Ray, dando il via alle versioni cinematografiche di L'uomo illustratoQualcosa di sinistro sta per accadere, The Electric Grandmother, la miserie di Cronache marziane e a tante altre pellicole.

    Il progetto maggiore di Bradbury come sceneggiatore è stato sicuramente quello del 1956, Moby Dick.

    In un'intervista successive con l'A.V. Club, Ray aveva negato di essere uno scrittore di fantascienza.

    "Ho solo scritto un libro di fantascienza, Fahrenheit 451. Tutti gli altri sono libri fantasy", aveva spiegato. "Le fantasie sono cose che non possono succedere, e la fantascienza, invece, tratta di fenomeni che possono accadere".

    Come l'avvento dei geek.

    FOTO: Morti Celebri: Le Star Scomparse nel 2012

    RELATED VIDEOS:

    FROM AROUND THE WEB
    MORE ON EONLINE

    Thor vs. Captain America

    Chris Hemsworth & Chris Evans duke it out at Comic-Con